Zucchina

Zucchina - Cucurbita pepo L.


Appartiene alla famiglia delle cucurbitacee, ha un andamento strisciante, e diverse varietà di cultivar: zucchine tonde, lunghe (le più comuni), dalla forma lobata (z. patisson) e quelle eccentriche - dalla forma particolare e non riconducibile ad alter tipologie.

Conosciuta in tempi antichissimi in Perù, venne poi utilizzata dai romani per le sue proprietà lassative e di stimolo alle funzioni intestinali.


Caratteristiche

Semina, coltivazione e raccolta

Da aprile a giugno si mettono i semi a dimora. Necessitano di un clima mite - sopra i 20° C - in zone ben aerate. Il terreno deve essere ben drenato per evitare ristagni d'acqua.
I frutti si raccolgono in estate, quando hanno una dimensione non troppo grande - intorno ai 15-20 cm di lunghezza.

Curiosità

Nell'antichità venivano utilizzate per rilassare la mente e favorire il sonno.

Le principali malattie della pianta sono di origine fungina: l'oidio, la peronospora, la muffa grigia e il nerume. Il parassita che più l'attacca è l'afide Aphis gossypii.

Adatte sia per il consumo a crudo, come antipasto, sia cotte in svariati modi - grigliate, cotte al vapore, bollite, trifolate, utilizzati per sughi, per insalate e zuppe, etc.
Possono essere conservate sott'olio. Ottimi sono anche i fiori della zucchina, solitamente fritti. Contengono acqua al 95%, vitamine A e C e carotenoidi.

Tabella ripartizione percentuale degli elementi [riferita allle zucchine crude]

Fonte: INRAN - Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione

Proteine: 46%
Lipidi: 8%
Carboidrati: 46%