Roma. XIII Ed. del Festival del Verde e del Paesaggio


Torna a Roma la XIII edizione del Festival del Verde e del Paesaggio, la più grande manifestazione espositivo-culturale in Italia dedicata al verde in città e al paesaggio urbano, che si terrà dal 5 al 7 aprile 2024 nel suggestivo Giardino Pensile dell’Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone di Roma (Viale Pietro De Coubertin, 30 orari 10.00 – 19.00).

Festival del verde e del paesaggio

Le novità

Tra le novità di questa edizione, Slow plants, il primo mercato di piante made in Italy di coltivatori indipendenti e sostenibili, l’Outdoor Living Village con arredi e complementi per un modo tutto mediterraneo di vivere gli spazi esterni, la sezione dedicata alle città del futuro, lezioni gratuite di giardinaggio per salvare il pianeta, incontri e formazione per professionisti.

Outdoor Village accoglie aziende e artigiani sostenitori di un vivere più sostenibile e connesso alla Natura. Propongono arredi e complementi per uno stile di vita metropolitano in cui interno ed esterno si fondono in un costante dialogo con la natura, senza distinzione di forme, materiali e ambienti. Tutti condividono i valori di una nuova sostenibilità quale scelta di consumo personale, che si concretizza in: produzione locale, dovere verso il Pianeta, relazione con il mondo naturale, circolarità e valore del tempo.

Al centro dell’evento, anche i nuovi trend sulla grande terrazza in cui imparare i segreti del planting design, le opere selezionate dai concorsi di progettazione del Festival per regalare un nuovo piccolo polmone verde alla nostra città e trasformare i balconi in micro ambienti giocosi, ecologici e colorati, e un suggestivo Giardino d’artista di Ciriaco Campus.

Festival del verde e del paesaggio

La grande terrazza-giardino

Particolarmente scenografica sarà la grande terrazza-giardino ideata dalla Scuola del Verde, dove, senza più confini tra dehor e spazio domestico, si potrà imparare a creare la propria “stanza” mediterranea, verde e a cielo aperto.

Infine, le proposte per i più piccoli curate dalla Scuola del Verde, che dallo scorso anno ha anche germogliato una nuova manifestazione con cadenza annuale dedicata all’outdoor education, “Bambini Botanici” e attività di animazione e sensibilizzazione che vivono tutto l’anno.

Festival del verde e del paesaggio

Festival del verde e del paesaggio

Tutti i numeri della XIII Ed. del Festival del verde di Roma

  • Oggi più della metà della popolazione mondiale vive nelle città. Queste occupano il 20% delle terre emerse e ospitano il 50% della popolazione. Dopo l’Homo Sapiens, ultima tappa dell’evoluzione è l’ Homo Urbanus cui spetta il compito di ripensare la vita in città attraverso la natura.
  • I pollici verdi italiani sono passati da 16 a 19 milioni dal 2019 al 2020 (ca 39% della popolazione) mentre nel 2012 erano 10 milioni (Ricerca Nomisma) con la crescita degli ‘entusiasti del verde’ cioè appassionati di giardinaggio domestico (49% in casa, 51% sul balcone o terrazzo).
  • Secondo Nomisma, 40% degli italiani fa giardinaggio, il 50% coltiva piante aromatiche o da orto, il 35% acquista piante da esterno e il 38% da interno.
  • Per Coldiretti/Ixè, il 74% delle famiglie italiane ha un balcone, mentre il 42% vive in una casa con giardino. Inoltre, il 68% degli italiani, cioè 7 su 10, acquista piante per le proprie case e giardini o coltivare frutta e ortaggi da portare in tavola e ma solo 2 su 10 sa che anche le piante possono accumulare una significativa impronta di carbonio.
  • Per Swg, il 72% degli italiani sottolinea come la tutela dell’ambiente e della biodiversità (68%) siano fattori chiave di una partita non più rinviabile, il 92% concorda sul bisogno di investire nella riduzione dell’inquinamento. E il 91% ritiene fondamentale intervenire a tutela della biodiversità.
  • Nel 2021, il settore florovivaistico nazionale è cresciuto del 5% rispetto all’anno precedente registrando un valore che ha sfiorato i 2,8 miliardi di euro. Secondo l’Istat, nel 2021 la produzione di fiori e piante in vaso è stata pari a quasi 1,3 miliardi di euro (+5,1% rispetto al 2020), generata per il 39% dalle regioni del Nord-Ovest e per il 35% da quelle del Sud e delle isole alberi e arbusti, pari a 1,5 miliardi di euro (+4,9%), deriva per il 60% dalle regioni centrali.
  • Le esportazioni hanno raggiunto la cifra di 1 miliardo e 143 milioni di euro nel 2021 e la produzione italiana rappresenta il 15% dell’intera produzione comunitaria. Eppure continuiamo a comprare piante e fiori che arrivano dai paesi stranieri, facendo balzare il valore dell’importazione italiana (pari a 900 milioni di euro) al 35%, il più alto di sempre.
  • La maggior parte degli italiani (più dell’80%) ritiene che tutelare territorio e mare sia molto importante per il nostro benessere. Il 72% sottolinea come la tutela dell’ambiente e della biodiversità (68%) siano fattori chiave di una partita non più rinviabile e il 91% ritiene fondamentale intervenire a tutela della biodiversità (Fonte: Sondaggio Swg). Mentre il 67% la considera anche un’azione efficace per ridurre gli effetti del cambiamento climatico.
  • La percezione dell’opinione pubblica è che non si stia facendo abbastanza per la tutela della natura e delle aree protette (54% poco o per nulla) e il 77% degli intervistati è molto o abbastanza favorevole a destinare maggiori risorse alla difesa della natura.
  • Secondo il sondaggio realizzato da Emg per il centro Studi del Wwf Italia, gli italiani amano la natura ma non conoscono le leggi per difenderla. Il 90% non conosce la strategia Ue 30/30 per la biodiversità (arrivare entro il 2030 al 30% di territorio e mare protetto in tutta Europa) e la riforma costituzionale del 2022, che ha modificato gli articoli 9 e 41 della nostra Costituzione inserendo all'interno dei principi generali della CartaE ancora: l’ 86% ha una buona conoscenza di parchi regionali e nazionali (solo il 56% delle aree della Rete Natura 200) ma solo 8% ne ha visitato uno nel 2022.
  • Secondo il 9°Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile, Il 59% afferma che acquistare e comportarsi in modo più sostenibile sia un principio fondamentale della propria vita e il 65% acquista in base all’impatto ambientale (65%). Il 39% conosce il significato di impronta ecologica, il 35% sostiene che le aziende sono sostenibili se utilizzano responsabilmente le risorse naturali.


Festival del verde e del paesaggio

Il Festival del Verde e del Paesaggio conta sulla collaborazione e sul patrocinio del Comune di Roma (Assessorato all’agricoltura e ambiente). Si avvale inoltre dei patrocini di:
MiC Ministero della cultura
Regione Lazio

Collaborano con il Festival numerosi ordini professionali, associazioni, università e istituzioni culturali: InArch Lazio, Ordine degli architetti pianificatori, paesaggisti e conservatori di Roma e provincia, Ordine agronomi e dottori forestali, Museo Orto Botanico di Roma, Fondazione Treccani Cultura, AIAPP- Associazione Italiana Architettura del Paesaggio, Carabinieri forestali ambientali e agroalimentari, Lipu, FAI.

È partner del FAO Park – Biblioteca globale degli alberi e dei fiori, il primo progetto dedicato alla protezione della biodiversità in 7 continenti, realizzato a Villa Pamphilj a Roma. L’appuntamento è in collaborazione con Fondazione Musica per Roma

XIII Festival del Verde e del Paesaggio
5 6 7 aprile 2024
Giardino pensile Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone, Roma
Orario 10.00 – 19.00
Convenzioni e riduzioni sul biglietto di ingresso
Parcheggi disponibili, ascensori per disabili, servizio consegne a domicilio, accesso ai cani consentito.
Info: festivaldelverdeedelpaesaggio.it